Il Risotto con la R maiuscola

Aggiornato il: 25 feb 2020

Da quasi un anno a Como, ho assaporato qua e là ottimi piatti, ma nessuno aveva mai lasciato il segno. Apprezzo un buon risotto, fatto bene, legato, con la giusta cottura e mantecaura, ma spesso manca sempre qualcosa. Fino al giorno in cui ho scoperto il ristorante Comi107 in Via Borgo Vico.

Appena entrata ho avvertito la passione di chi, in questo posto ci ha messo l'anima, sono sensazioni che percepisci se ti sottrai qualche istante dal mondo esterno e lasci che le vibrazioni degli altri ti parlino di sè.

Così mi estraneo da tutto e mi lascio guidare, lo Chef un ragazzo giovane con l'amore per il suo mestiere negli occhi, mi offre un calice di prosecco, non uno qualunque, lo sceglie con cura e attenzione, con quel desiderio di appagare il suo ospite così come riesce a fare poi con tutto il resto.

Sono accompagnata in questo viaggio da una persona estremamente discreta, attenta alle mie esigenze e anche lei piena di passione per questo posto meraviglioso che entrambi seguono con rara sapienza.

Inizio un percorso unico, dall'antipasto al dolce, con sapori perfettamente bilanciati, mi accorgo di una minuziosa ricerca che unisce i contrasti di consistenze diverse, di note dolci che vanno a mitigare un'impatto che al palato sarebbe stato completamente diverso, se non ci fosse stata quella ricerca che io ho avuto la fortuna di poter assaporare.

Sì, il risotto nella sua classicità, qui è degno di essere definito "Capolavoro" assolutamente perfetto, seppure richiesto con una modifica, è il risotto più buono che io abbia mai avuto il piacere di gustare.

Consiglio il Ristorante Comi107 a tutti coloro che vedono il cibo come un'arte e che sanno cogliere tutte le sfumature che uno Chef capace riesce a dare e a trasmettere attraverso pietanze uniche e ricercate, così come è capitato a me.


64 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Addio al 2020

©2020 di Comobestfood

  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Pinterest
  • Instagram